Il Parlamento europeo conferma il target FER al 32% entro il 2030

by editore
fotovoltaico

Il Parlamento europeo ha confermato il target per le fonti rinnovabili del 32% sui consumi di energia al 2030, già previsto dal Consiglio nell’ambito della Direttiva Rinnovabili dello scorso giugno.

Accanto all’obiettivo vincolante per le energie rinnovabili, approvato con 495 voti a favore, 68 voti contrari e 61 astenuti, è inoltre stato previsto un incremento indicativo del 32,5% dell’efficienza energetica entro il 2030. Entrambi saranno rivisti entro il 2023 e potranno solo essere innalzati.

Il legislatore ha previsto che gli Stati membri garantiscano il diritto dei cittadini di produrre energia rinnovabile per il proprio consumo, di immagazzinarla e di vendere la produzione in eccesso.

Ogni Stato membro, inoltre, dovrà presentare un “piano nazionale integrato per l’energia e il clima” decennale con obiettivi, contributi, politiche e misure nazionali entro il 31 dicembre 2019 e successivamente ogni dieci anni.

Le nuove norme, una volta adottate formalmente da parte del Consiglio, verranno pubblicate sulla Gazzetta ufficiale ed entreranno in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione. Gli Stati membri dovranno poi recepire i nuovi elementi delle direttive nel diritto nazionale entro 18 mesi dalla loro entrata in vigore.

Solare B2B Weekly

condividi:
Share

Articoli Correlati